Ethereum, come comprarli

Come comprare Ethereum? Ci sono molti modi per investire sugli ether, la criptovaluta di Ethereum. Ci si può rivolgere a un exchange, inviando del denaro con un bonifico, oppure utilizzare una carta di credito. O ancora rivolgersi a siti specializzati mediante i quali cambiare un’altra criptovaluta in ether. Oppure con una transazione privata. In questa guida analizzeremo tutte le possibilità.

Comprare ethereum
L’immagine di un ether sottoforma di moneta

Sono numerosi i modi per acquistare ether, la criptomoneta del protocollo Ethereum. I neofiti delle criptovalute, che magari le minavano direttamente, se le scambiavano personalmente, ma ormai questa modalità di transazione è diventata marginale.


Valore Ethereum: prezzo e grafico

Ora il modo più utilizzato per investire in ether e nelle altre criptovalute è quello di iscriversi su un exchange, un sito che permette lo scambio di valute fiat – ossia a corso legale come euro, dollari, yen e sterline – con ether (e viceversa) o di una criptovaluta con ether (e viceversa).

I siti di questa tipologia sono numerosi, sparsi in ogni parte del globo. E le modalità per acquistare ether sono diverse. Con denaro invito all’exchange con un bonifico, o direttamente con carta di credito. O tramite un’altra criptovaluta.


Da ricordare bene prima di comprare ether: non appena si acquistano delle monete del circuito Ethereum è meglio trasferirle immediatamente quest’ultime in un wallet di cui si ha piena disponibilità delle chiavi private. È infatti consigliabile entrare nelle piena proprietà del propri investimenti in Ethereum e non lasciarsi su piattaforme in giro per la rete. Insomma, meglio non rischiare.

Uno dei wallet più utilizzati per Ethereum, perché decisamente semplice, è MyEtherWallet (myetherwallet.com), un’interfaccia gratuita, open-source e client-side che permette di interagire direttamente con la blockchain di Ethereum mantenendo il controllo delle proprie chiavi e dei propri fondi. Attenzione perché circolano in rete siti che sembrano quello originale ma sono cloni che sottraggono i propri ether dopo un tentativo di accesso.

Molto gettonati anche i wallet hardware, probabilmente il miglior modo per conservare i proprio ether. I più diffusi ed efficienti sono il Ledger Nano S o il Trezor Bitcoin Hardware.

LEGGI ANCHE: Ethereum, come iniziare

Comprare Ethereum: gli exchange

Un exchange è un sito nel quale è possibile convertire una valuta a valore legale in una o più criptovalute, inclusi gli ether di Ethereum. O criptovalute diverse tra loro.

Fare un elenco esaustivo di questa tipologia di siti sarebbe riduttivo, visto che sono numerosissimi. I principali sono i seguenti. Nella totalità di essi è possibile scambiare ether e bitcoin insieme ad altre criptomonete:


Acquistare Ethereum con un bonifico

Alcuni degli exchange sopracitati, come Coinbase, Kraken, Spectrocoin e The Rock Trading, permettono di investire su ether direttamente con euro.

Per comprare Ethereum bisogna innanzitutto iscriversi al servizio. Ricordatevi di leggere bene le condizioni d‘uso (solitamente è un cosa che non si fa…). Per ragioni di sicurezza l‘exchange richiede l’invio di documenti personali che comprovino la vostra identità. Solitamente è possibile mandare un’immagine della propria carta d’identità, della propria patente o del passaporto, insieme a quella del proprio viso. Per alcuni servizi è necessaria anche l’invio di una bolletta di un’utenza (per verificare la residenza).

Una volta che la procedura di identificazione, che dura solitamente alcuni giorni a seconda del carico di lavoro che l’exchange ha in quel particolare periodo, viene perfezionata è possibile inviare al proprio account del denaro tramite un bonifico SEPA.

Gli exchange mettono infatti a disposizione degli utenti un conto corrente con codice IBAN italiano (per esempio per The Rock Trading) o con codice IBAN estero (ad esempio estone per Coinbase e GDAX, tedesco per Kraken e lituano per Spectrocoin) per l’invio delle somme. Attenzione, però, a inserire – oltre all’inserire l’IBAN corretto – anche la corretta causale indicata dall’exchange. Se non c’è il corrispondenza precisa tra il codice inserito e quello specificato dall’exchange le somme sono a rischio.   

Una volta che il denaro è arrivato a destinazione sarà poi possibile convertire le somme in ether.

Comprare ether: inserire un’ordine e pagare le commissioni

Ma come si compra un ether su un exchange? Per chi si è già trovato a comprare o vendere azioni la procedure è abbastanza semplice: gli ordini si inseriscono in un modo non molto diverso. Per chi è alle prime armi, invece, niente paura. Generalmente si può scegliere se acquistare “al meglio” (ossia al prezzo di Ethereum corrente in quel momento) oppure “con limiti di prezzo”, ossia condizionando l’acquisto al raggiungimento di certi livelli.

Le transazioni sono oggetto di commissioni (ossia una parte di denaro che va all’exchange per remunerarlo del servizio). Nel caso dell’acquisto con valuta fiat le commissioni sono comprese tra lo 0 e l’1%, fino al 2%. Ma per saperlo con sicurezza meglio prima appurarlo direttamente sul sito dell’exchange.

LEGGI ANCHE: Coinbase, come non pagare le commissioni


Comprare Ethereum con la carta di credito

Con alcune piattaforme, come Coinbase, è possibile acquistare Ethereum con la carta di credito. In questo caso il vantaggio è quello di avere immediatamente perfezionata l’operazione di acquisto, mentre lo svantaggio è che si pagano commissioni alte. Al momento in cui scriviamo il costo d’acquisto con la carta sulla piattaforma in questione è pari a oltre il 4%. Ci sono inoltre limiti più stringenti – sui primi acquisti – sull’entità di euro utilizzabili per comprare ether.

Comprare ether: LocalEthereum

Una strada alternativa, ma più costosa per le commissioni implicite, è quella di comprare Ethereum tramite LocalEthereum, un private marketplace (ossia un mercato privato) che permette l’incontro, anche fisico, tra chi vuole vendere e chi vuole comprare ether.

Il motivo per cui LocalEthereum potrebbe essere interessante è che non solo non è necessario passare da un exchange (che a fronte della richiesta di documenti è però anche garante dell’operazione di compravendita!) ma anche perché è possibile portare a termine la transazione utilizzando numerosi mezzi di pagamento, come ad esempio Paypal o PostePay. O anche in contanti.

Comprare Ethereum con LocalEthereum
L’home page di LocalEthereum

Scambiare ether con altre cripto: ShapeShift

Se si possiedono altre criptovalute e si vuole convertirle in Ethereum è anche possibile utilizzare ShapeShift.

Il sito di ShapeShift permette (senza alcuna iscrizione) di cambiare una qualsiasi criptovaluta in ethereum (e viceversa).

shapeshift
La home di ShapeShift